Cosmologia e piani

Questa nuova ambientazione non può fare a meno di una sua cosmologia poiché molti incantesimi fanno riferimento ai piani. "Camminare nelle ombre" ne è un esempio, ma anche qualsiasi incantesimo di evocazione. In questa pagina pertanto darò dei riferimenti precisi a quali piani è collegato Elden (inteso come tutto il pianeta, compreso l'impero di Hicaro) e all'aldilà.
Ogni master è libero di inventare liberamente, io vi darò la mia "intuizione" su questo mondo fantasy high magic in cui esiste un solo dio.

Piani conosciuti
Tutti i maghi di Elden da millenni conoscono il piano etereo e il piano delle ombre. Questi due piani sono sovrapposti al piano materiale. Su questi piani potete trovare vari riferimenti nei manuali di D&D. Agli amanti dei piani devo dare una brutta notizia, questi piani appena citati sono gli unici raggiungibili da Elden e per qualche oscuro motivo non si riesce ad andare oltre. Una sorta di muro di impenetrabile, chiamato "Manto" circonda completamente il piano materiale, il piano etereo e il piano delle ombre e l'unico modo per uscirvi è la morte, ma di questo vi narrerò più sotto.
Ai grandi maghi di Elden del passato e del presente è pertanto completamente ignota la città di Sigil, i 9 inferi o l'Avernus e così via tutti gli altri mondi e purè il grande mare astrale (o piano astrale se preferite). State attenti quindi ad eliminare tutte le magie inerenti ai piani non raggiungibili, è compito vostro e dei vostri giocatori. (Un mago evocatore sarà sensibilmente limitato in questa ambientazione e vista la possibilità di avere molti "servi" demoniaci, come leggerete più sotto, sarà più indicato per un PNG.)
L'unico modo per uscire, e "bucare" il Manto, è la morte. Infatti come ampiamente documentato in tutte le accademie di magia, quando una creatura dotata di anima muore, si apre un tunnel luminoso attraverso il manto e quell'anima viene risucchiata verso... l'aldilà, altro non si conosce.

Aldilà ed evocazioni
L'Aldilà è qualcosa di misterioso, almeno quanto lo sia dio. La paura dell'aldilà spinge molti all'ateismo ed a trovare sistemi per prolungare la vita (come i vampiri o lich).
Se i maghi atei non sono riusciti ad andare nell'aldilà e farvi ritorno, sono riusciti invece a fare ben altro!!! Aprendo dei tunnel verso l'aldilà, sfruttando la morte di creature dotate di anima, sono riusciti ad evocare creature che non esistono nei piani sopra menzionati. Questa pratica considerata blasfema è stata perfezionata dagli "studi gnomici" sull'argomento. Sfruttare la morte di qualcuno, magari anziano in punto di morte, per evocare creature non è propriamente etico, ma gli gnomi ne hanno fatto una questione di soppravvivenza per evocare.. elementali del fuoco (come descritto più avanti).

La natura delle creature evocate.
Avete capito bene, i maghi, negromanti e non solo, sfruttando la morte sono riusciti ad evocare delle creature trascinandole dall'aldià all'aldiquà (scusate i termini utilizzati), gettando una luce ancora più oscura in ciò che si trova oltre al Manto.
La magia evocatrice effettua uno scambio, in cambio di un'anima ne prende un'altra con due effetti differenti. Nel corpo della creatura che muore o viene uccisa, entra una nuova anima.
La nuova creatura così generata ha un periodo di incubazione definito "crisalide" che può variare dai 3 agli 8 giorni. Al termine del periodo la nuova creatura rompe il bozzolo di carne e diventa un diavolo (o demone per i maghi di Elden non vi sono differenze) oppure un elementale, che mantiene i ricordi della creatura  "bozzolo" compreso il linguaggio (Elementali e demoni pertanto non possiedono un loro linguaggio, ma parlano la lingua del bozzolo). Alcuni maghi hanno provato nei secoli scorsi ad occupare la nuova creatura con la propria anima.. i risultati di tali blasfemi esperimenti rimane un mistero (e una nuova avventura :-)
Se una vita viene sacrificata nasce un diavolo, se una vita si spegne spontaneamente nasce un elementale di un tipo specifico (gli gnomi hanno capito come determinare il tipo).
La nuova creatura obbedirà al suo padrone se ha meno livelli o DV del mago che l'ha evocata e ciò non succede sempre. Le creature evocate sanno parlare (diavoli) o comunicano telepaticamente (elementali) però non danno informazioni specifiche sul loro piano d'origine, ma solo informazioni generiche e scontate.
I Diavoli parlano di una terra di fuoco e sangue in cui i mortali soffrono ma non sono a conoscenza ne dei piani, ne di Sigil, ne degli altri piani. Gli elementali fanno lo stesso, parlano del loro piano d'energia ma non conoscono altro se non il loro mondo. In questi mondi non sembrano esserci organizzazioni, capi, strutture, ma regna il caos più completo. Per i Diavoli regna il caos malvagio, per gli elementali un Caos neutrale.
Gli gnomi hanno costruito i motori per le navi dirigibile grazie alle evocazioni di elementali del fuoco. Molti gnomi anziani sul letto di morte hanno contribuito alla salvezza dei loro figli. In un certo senso il legame che esiste tra uno gnomo o il suo clan e gli elementali che sorreggono le loro navi dirigibile è di tipo affettivo.
In passato molti maghi dell'impero hanno causato molti malefici a causa delle magie di evocazione e al giorno d'oggi sono bandite, tuttavia la pratica e il suo studio prosegue segretamente.

Qualcuno ha bucato il Manto
Questo è un grande mistero, negli antichi testi apocrifi in elfico antico sta scritto che il Manto sia stato bucato da colui che sia diventato l'attuale dio, però nei testi sacri non sta scritto nulla di tutto ciò.
Secondo alcuni studiosi dio è di razza draconica, ovvero una parente umanoide dei draghi e quando ha lasciato il piano materiale se n'è andato con tutti gli esponenti della razza.
Qualche mago è riuscito a proiettare la propria anima al di là di un tunnel, ma non è più tornato.
Su cosa si trova al di là del Manto non lo scriverò, i draghi ne sanno qualcosa ma lascierò a voi prolifici master di inventarlo per le vostre campagne se vi stuferete di città volanti e volete portare i vostri avventurieri in un altro mondo :)